martedì 25 dicembre 2012

29.12 ?Alos/Xabier live show

?Alos/Xabier iriondo Endimione live show 29.12
Muviments festival itri

yomi on Pan y Rosas disco

Yomi is out in  free download in Pan y rosas disco from the 21.12.2012
this is the link
http://www.panyrosasdiscos.net/pyr067-alos-yomi-loscura-terra-dei-morti/



In japanese culture yomi is the afterlife. it is a dark place, inhabited by monstrous creatures, where dead people rot in eternity regardless of their behavior when alive. this album is about the transition between life and afterlife. it also sees ?alos’ focus transition from the role of woman in the social context of her work to that of woman as shaman; a keeper of secrets – nature’s secrets, herbal secrets, afterlife’s secrets, birth and death’s secrets. roles that have been forgotten – misrepresented by a patriarchal and christian concept of progress. these women were accused of witchcraft, persecuted and driven to the underground, and thus often forgotten.
yomi, l’oscura terra dei morti also acts as a bridge between what ?alos was and what it is about to become. the first two songs are new versions of old songs; re-played and resung in a way that is closer to ?alos’ live sound. her voice is more aggressive, the guitar more abrasive. the third song, panas, will appear again on ?alos’ next album, but it appears here remixed by kawabata makoto of acid mother temple who transferred her original recording to an analogue tape and then added layers of his own guitar – bringing the whole thing closer to yomi, the dark land of the dead.
in ancient sardinian culture, panas are the spirits of women who died in childbirth, who come back into the world but are damned to wash linens along the rivers, singing sad songs to accompany their sorrow.
all music by:
stefania pedretti – vocals, guitar, cello and objects
claudo rocchetti provided electronics on fili di capelli
kawabata makoto provided further guitars, tambura, sitar and remix action on panas
recorded by boris wilsdorf in june, 2009 at anderebaustelle (neubauten) studio, berlin.
artwork by ango the meek dead
originally released as a 10 inch record in 2010 as bar53 by bar la muerte records
tracklist
01. fili di capelli 02. taglio 03. panas


if you didn't... you can download also Ricordi Indelebili
http://www.panyrosasdiscos.net/pyr055-alos-ricordi-indelebili/

and Ricamatrici
http://www.panyrosasdiscos.net/pyr061-alos-ricamatrici/

http://www.panyrosasdiscos.net/


martedì 11 dicembre 2012

15.12 XXY De/Gender Fest rimini



?Alos Queer-doom 15.12.2012:

                                                   



                                                   




XXY DEGENDER FEST

SABATO 15 DICEMBRE
c/o CSA Grotta Rossa
via della lontra, 40 - Rimini

Che differenza c’è tra sesso biologico, identità di genere e
orientamento sessuale?
Maschile e femminile sono categorie fisse e immutabili?
Quanti generi esistono? Infiniti?
Vogliamo affrontare la tematica queer a partire da queste domande,
consapevoli di vivere in una società ancora fortemente (etero)normativa e patriarcale, che discrimina ogni diversità oppure la ingloba al suo interno con lo status di minoranza, affibbiando etichette in base ai comportamenti delle persone, ai gusti, alle inclinazioni.
Ci chiediamo se sia possibile sovvertire ogni etichetta proprio a partire da quella dell’identità di genere, liberandoci così anche di tutti quei ruoli attraverso cui la società ci riconosce, ci nomina e quindi ci controlla. Per arrivare finalmente ad avere una società di individui, in cui ognun* sia liber* di essere se stess*.
Nel frattempo, con questa settimana di iniziative intendiamo conoscere meglio e abbracciare nuove pratiche di decostruzione degli stereotipi e dei ruoli che ci sono imposti, per contribuire ad abbattere l'idea di norma e di devianza, allenandoci ad allargare il ventaglio del nostro immaginario sessuale a tutto lo spettro del possibile in modo da accogliere al suo interno tutte le singolarità, riconoscendo e rispettando la storia e il percorso di ognun*.


XXY DEGENDER FEST program!

ore 18.00 workshop vegan sex toys
BRUTAL (autocostruzione di fruste con camere d’aria)
WAI? (D.I.Y. Vegan Harness: come costruire da sol* il proprio vegan harness)

a seguire:
inaugurazione mostra “The Catalog” di GOODYN GREEN
e apericena vegan

Goodyn Green è una fotografa queer femminista danese.
Sin dalla prima pubblicazione nel 2009, è fotografa di punta del magazine berlinese Bend Over. Fu la rivista stessa a presentare la sua prima raccolta di fotografie, The Catalog, immagini erotiche di donne queer androgine in pose ispirate alle classiche riviste porno gay.


ore 21.00 presentazione libro
“La società de/generata. Teoria e pratica anarcoqueer” di ALEX B.

Alex B. ha 30 anni. Alcuni anni fa ha intrapreso una transizione fisica verso il maschile, per risolvere un disagio che sentiva con il proprio corpo. Non si riconosce nei generi maschile o femminile e, se proprio deve definirsi in qualche modo, preferisce i termini generici “trans” e “transgender”.

a seguire:
proiezione corto “Dildotettonica per principianti” di SLAVINA
(menzione speciale al Sicilia Queer filmfest 2012)


ore 22.00 concerti
AGATHA
?ALOS
R.Y.F.

performance/installation "T'ORO" di MATTIA CASTELLI

T'ORO è un omaggio al Sole, al solstizio d'inverno, alla ciclicità, alla trasformazione, all'eterno immutabile.


djset

main stage: LADY MARU - electro, deep house, techno tribale
http://soundcloud.com/dj-lady-maru

privèe (degender toilet): THE QUEEN IS DEAD dj's rotation
[Gowasabi / Gianluca Cecchini / Schneider to Schneider / Roberto Betti / Sissetta] - punk rock, post punk, dark, new wave, 80's, pop, electro, indie, trash
https://www.facebook.com/groups/225717214207334/



10 cd nel lettore di… Stefania Pedretti [?Alos] | Rocklab.it v4 beta

"Ecco cosa sto ascoltando negli ultimi tempi, sono soprattutto dischi che erano inscatolati da anni o dispersi, e che ora posso finalmente riascoltare dopo l’ennesimo trasloco:"
i 10 cd che sto ascoltando negli ultimi tempi...enjoy: 
10 cd nel lettore di… Stefania Pedretti [?Alos] | Rocklab.it v4 beta

lunedì 26 novembre 2012

Distorsioni



?Alos / Xabier Iriondo

ENDIMIONE

2012 - Brigadisco Records 
?Alos – Xabier Iriondo “Endimione” (Brigadisco Records # Vivamente consigliato da DISTORSIONI

Torna a stupirci con la sua distorta sperimentazione Xabier Iriondo. Ad aggiungere pathos e consistenza emotiva al suo nuovo progetto c’è Stefania Pedretti, ?Alos, voce graffiante e grinta coriacea già incontrata negli Ovo, nel progetto Allun, ma anche nell’ultimo pregevole lavoro dello stesso Xabier,“Irrintzi”, nel brano The Hammer. E davvero ci viene consegnato un album di grande impatto evocativo e visionario. Costernato di inserti elettronici e distonie che pungolano come lame e schiaffeggiano i nostri sensi, frame e campionamenti che ci riportano indietro nel tempo, fino a riscoprire l’odore acre della terra d’origine, fino a rivedere in un sofferto viaggio a ritroso il nostro cammino esperienziale di affanno e tormento. E’ un vortice che richiede immersione e risucchia l’anima nelle sue spire. Secco, scandito, sferzante. Eppure violentemente coinvolgente, aspramente familiare, amaro e infervorato. Come un ritorno a casa dopo una fuga, come un’ineluttabile constatazione, come una resa sofferta. Suoni cavernosi e opprimenti persi in gocciolanti delay e poi pause raggelanti più cupe dell’ombra a saturare ed enfatizzare attesa e smarrimento.

Otto tracce che ci prendono letteralmente a scudisciate lungo un percorso che sembra espiatorio e masochisticamente liberatorio. Scosse elettriche, energia primordiale, ferinità palpitante inGeorges Gabory,  stille di espressività pneumatica nel declamato Marguerite Jamois in cui il verso e la mimica onomatopeica diventano forma di linguaggio universale e penetrante. L’essenza della crudità e della spietatezza Artaudiana. La glossalia che frantuma il linguaggio per trovare forme di comunicazione che anticipano la parola e la imprimono sotto pelle. Opposizione di durezza (kras) e delicatezza (monis) come nelle danze ritmate e trasmutanti dei balinesi. Catturare il palpito e lo scintillio, la tensione vibrante e il magnetismo che scandisce ogni attimo per ispessire la drammaticità espressiva e comunicativa. Ed in questo si riesce brillantemente. La bramosia e l’impellenza di un sentire amplificato. Tracciare il contorno dei pensieri con passaggi violenti e frenetici, rompendo le righe dell’ordinario.

Una grandissima prova di teatralità musicale è incarnata nella voce di ?Alos nella struggente e magistrale Genica Atanasiou. Un omaggio commovente che ci restituisce l’integrità del sentire di Antonin Artaud pur ?Alos – Xabier Iriondo “Endimione” (Brigadisco Records senza aver mai letto un suo passo a aver assistito a nessuna messa in scena dei suoi copioni. Tangibili e viscerali sono il suo senso instancabile di rivolta, il suo tortuoso senso della ricerca. L’estetica di uno dei più grandi e controversi geni del secolo scorso è soddisfatta nel far scorrere emotivamente la sua opera e il suo pensiero senza doverlo motivare. Artaud è raccontato mirabilmente negli opposti che ne riassumono il doppio metaforico: violenza come efficacia, frenesia parossisitica e carnalità come sete, dissacrazione e spietatezza come estremo tentativo di dare volto ai pensieri e renderli tangibili, sofferenza e dolore per incidere la poesia e provare a possedere l’ineluttabile.
Romina Baldoni

venerdì 23 novembre 2012

domenica 11 novembre 2012

Endimione

you can see the our video-clip from the single "Georges Gabory" 


and listen the Album in Streaming on Shiverwebzine
http://www.shiverwebzine.com/2012/10/29/alosxabier-iriondo-endimione-2012-brigadisco/
"Endimione” è un’idea acuta che si lascia attraversare da deliri, per sfondare i limiti della percezione, per creare una prospettiva diversa. “Endimione” è una creatura piena di incubi fatti del tessuto di una poesia in rivolta contro se stessa, di pensieri e grida dalla potenza schiacciante. Un disco che conficca il chiodo della sua insofferenza nella carne del mondo e lo fa con uno slancio che dimostra la profonda onestà dei suoi autori, affrontando la vita a muso duro, per piegarla alle logiche dell’impossibile. Urge il caos, la terra trema sotto i nostri piedi. Endimione è arrivato.


ENJOY THE HELL

venerdì 12 ottobre 2012

Endimione new album ?Alos/Xabier Iriondo



?ALOS - XABIER IRIONDO "ENDIMIONE"

E' uscito "Endimione" per Brigadisco rec.
l'aubum "ENDIMIONE" e’ ispirato dai “Madrigali” di ANTONIN ARTAUD.

Un vinile 12’ trasparente nel quale si fondono ricerca primitiva, poesia e ferocia.

COVER ALBUM - ARTWORK
Valentina Chiappini

FOTO CREDIT-
Natalia Surin
presto anche il video clip!!!




venerdì 28 settembre 2012

News

1-News pan y rosas discos release "Ricamatrici" by ?alos!
Enjoy my album "Ricamatrici" on free download
http://www.panyrosasdiscos.net/pyr061-alos-ricamatrici/


2-?Alos on KFJC airplay, always great: http://wfmu.org/playlists/shows/47220


3-I'll do my first workshop “Colpo di frusta” workshop sul D.Y.A. whip and harness by ?Alos and WAI?
18.00 Workshop: “Colpo di frusta” D.I.Y. Vegan Harness and weap– come costruire da sol* il proprio vegan harness e la propria frusta a cura di WAI? & ?Alos [Spazio itinerante]!http://www.facebook.com/weirdfestival


4. out soon ?Alos/Xabier Iriondo" Endimione" new record Lp out on Brigadisco

5- Next shows:
06/10 Roma@ Forte Prenestino (Weird fest - ?Alos Weap workshop)
15/12 Rimini@ Grottarossa XXY DEGENDER Fest
28/12 Cecina@ Shuffle Club- Cabaret Voltaire

domenica 5 agosto 2012

nice news

Amazing news for me/?Alos: soon I'll be part of Unclevanja, great booking agency from Italy , I'm really happy about!
http://www.unclevanja.com/

giovedì 12 luglio 2012

News

New video at Tago Fest 2012 by samuel Fava



New review on Rock.it of my  album Era
http://www.rockit.it/recensione/19871/alos-era


and a official photo with Xabier Iriondo for our future album Endimione by Natalia Saurin

venerdì 22 giugno 2012

new collaboration with a U.S.A label



Start today my collaboration with the U.S label Pan y Rosas, it will realize on free download my 3 album on Bar la muerte.
OUT tonight ( for the summer solstice) my first record "Ricordi indelebili" 
"Ricamatrici" will be out for the autumnal equinox and "Yomy, l'oscura terra dei morti" for the winter solstice (21.12.2012!!)
http://www.panyrosasdiscos.net/alos/
http://www.panyrosasdiscos.net/pyr055-alos-ricordi-indelebili/
check it out!

Pan y rosas discos release (pyr055): ?alos - ricordi indelebili
available for download and preview here: http://www.panyrosasdiscos.net/pyr055-alos-ricordi-indelebili/
about the artist: 
?alos is musician/experimental performer stefania pedretti's solo project that began in 2003. her performances blur the lines between performance art, experimental music, improvisation, video art and force the audience to actively participate. the feminine figure and its role in history and contemporary society is at the heart of her performances. 
about the album: 
on her first album for pan y rosas, ?alos explores personality, mutilated beauty, psychological themes and emotions using beats, guitar, piano, violin and cello. the sound is: violin drones and breaths. break-beat guitar crunch. chant. now wave skree/chime. synthetic toy noise. sirens. bass sing song. electro rumble. string scratch. descension piano.


ricordi indelebili was originally released by bar la muerte records in 2006. this is the first of three ?alos reissues. 
about the label: 
pan y rosas discos is a small netlabel based in chicago that focuses on experimental: noise, improvisation, and weirdo rock. we believe that music should be available to listeners for free and all the music that we release is licensed under a creative commons attribution-noncommercial-no derivative works 3.0 unported license.

domenica 17 giugno 2012

20.06 La notte delle streghe



20 giugno ore 23.30 ?Alos "Terra" performance




Terra
Performance di ?Alos

"Terra" esplora il tema dell'antico rapporto che lega la terra alla donna: la magia che regna fra di esse, il sesto senso, il loro linguaggio segreto, la storia passata e il futuro, l'Inquisizione, il 2012 e la nuova era che verrà.
Utilizzando voce e capelli, i due antichi mezzi utilizzati nei riti pagani legati alla natura e alla femminilità, ?Alos crea una dimensione onirica doom fatta di gesti, di suoni e di respiri che rievoca in
chiave postmoderna gli antichi riti sabbatici.

La donna, magica trasformatrice di ogni elemento della natura, Veggente primordiale, signora delle acque profonde che danno saggezza[...]capiva lo stormire degli alberi e tutti i segni della natura[...] sopraffatta dallo spirito che emergeva in lei e che da lei parlava[...]esprimeva la sua magia in formule ritmiche[...] essa fu centro della magia, del canto magico e della poesia. Fonte di sapere[...] creatrice del linguaggio che fluisce dal profondo Erich Neumann da La grande madre - fenomenologia delle configurazioni femminili dell'inconscio .

Performance: ?Alos
Voce, corpo e capelli: tre antichi mezzi utilizzati nei riti pagani legati alla natura, alla femminilità, alla magia.
?Alos: voce, capelli con campanellini, buddha machine e corpo. Tutto in acustico.

Voce: la voce è relazione fra il respiro e il suono. La voce articola il mormorio, la parola, l'urlo. Ha potente valore creativo,evocativo e di suggestione.
Corpo: il gesto nel rito; con voce e gesto la guaritrice interveniva accanto al malato.
Capelli: capelli fitti di nodi, arruffati. Ai nodi venivano attribuiti valenza e poteri magici.
L'annodare, il legare, l'unire, l'intrecciare veniva considerato, fin dall'antichità, pratica magica capace di trattenere o respingere forze positive o negative. Molti amuleti avevano forma di nodo già presso i babilonesi e fu una pratica sacrale pagana che nel 1446 i vescovi riuniti nel Concilio di Ratisbona decisero di punire con la pena di morte. Il simbolo antichissimo del nodo era emblema sacro alla Dea Madre della natura, protettrice benefica e poi demonizzata.


lunedì 28 maggio 2012

Next event

?Alos next show:
13/06 Milano ,I @ Solo shop, Exhibition by Stefania Pedretti, performance  by ?Alos "One girl tattoing music" and acistic live by Restless y. Flowers

Web intervista

http://www.ravennawebtv.it/w/alos-esplora-un-nuovo-elemento-lacqua/ questo è il link su ravennawebtv, per vedere l'intervista ad ?Alos ed estratti vide della nuova performance Acqua(Studio 1). ecco sotto la presentazione dell'evento:
Il palco in una stanza presenta: 25 Maggio 2012 ?Alos-performance Restless y. Flowers-concerto in acustico Stefania Pedretti-Mostra: “C'era una volta...” ?Alos in Acqua studio n.1 Performance 6x6x6 6 persone x 6 minuti x 6volte una città: Ravenna una via: via Mordani n.6 un appartamento un bagno una vasca una confema telefonica: 331.8183636 In questa nuova performace ?ALOS comincia ad esplorare un nuovo elemento dopo Terra ora ACQUA. Il rapporto che lega l'acqua alla donna; la magia che regna fra di esse, il sesto senso, il loro linguaggio segreto Utilizzando voce e capelli, i due antichi mezzi utilizzati nei riti pagani legati alla natura e alla femminilità, ?Alos crea una dimensione onirica doomfatta di gesti , di suoni e di respiri che rievoca in chiave postmoderna gli antichi riti sabbatici. La donna, magica trasformatrice di ogni elemento della natura, “Veggente primordiale, signora delle acque profonde che danno saggezza[...]capiva lo stormire degli alberi e tutti i segni della natura[...] sopraffatta dallo spirito che emergeva in lei e che da lei parlava[...]esprimeva la sua magia in formule ritmiche[...] essa fu centro della magia, del canto magico e della poesia. Fonte di sapere[...] creatrice del linguaggio che fluisce dal profondo” Erich Neumann da “La grande madre - fenomenologia delle configurazioni femminili dell'inconscio” Mostra :”C'era una volta...” C'era una volta un salotto, in una vecchia casa e una signora che cuciva tutti i giorni... alle pareti dietro la sua poltrona preferita erano appesi i centrini che lei ricamava, centrini insoliti che ritraevano figure femminili inverosimili dolci romantiche belle ma ....deturpate...non si notava neanche questa caratteristica all'inizio, ma era ciò che rimaneva impresso poi nella mente, queste belle donnine grondanti di sangue....mi raccontavano sempre questa storia quando ero bambina e passavo davanti a quella casa... Installazione che ricrea il salottino di una vecchia signora con i centrini ricamati a mano da Stefania Pedretti appesi come i ritratti,i santini che molto spesso decoravano le pareti dei vecchi salotti ... Installazione che ricrea il salottino di una vecchia signora con i centrini ricamati a mano da Stefania Pedretti appesi come i ritratti,i santini che molto spesso decoravano le pareti dei vecchi salotti ...

martedì 8 maggio 2012

Incredible

From Facebook, someone did this in Italy, amazing crazy!


Next ?Alos appointments:

17/05 La Spezia@ Btomic
18/05 Latina, I@ Circolo Hemingway
19/05 Nola,I@ Cabala book&beer festival Disfunzioni sonore 5
20/05 Itri,I @ Brigadisco'Cave
25/05 Ravenna,I@ Il palco in una stanza: performance di ?Alos- Acqua studio 1+live Restless y
13/06 Milano ,I@ Solo, mostra personale + performance ?Alos +live Restless y. Flowers) 


martedì 1 maggio 2012

Super intervista su Mescalina
http://www.mescalina.it/musica/interviste/13/04/2012/alos#.T51nzCQOeVw.facebook
ecco un estratto:

Il tuo progetto solista, ?aloS, nasce se ho capito bene nel momento in cui ti trovi, per caso, ‘da sola’; da lì inizia un processo di riappropriazione che ti porta alle prime performance/concerti e poi a circondarti di nuovi collaboratori, e a produrre i tuoi ultimi tre album a Berlino … si ha la sensazione che si passi da un assemblaggio di segni con un modus operandi che se vuoi è vicino a quello della sound art (suoni concreti, field recordings mescolati a vecchie registrazioni su vinile, strumenti ‘analogici’ e la tua voce), anche se con caratteristiche molto personali che trascendono quel mondo (la sound art indaga come il suono influisce la percezione dello spazio, sia in senso intimo che in senso ambientale, mentre tu indaghi, anche per via del tuo ‘lato performer’, come i dettagli possono gettare luce l’uno sull’altro e costituire un insieme) mentre nei tuoi ultimi lavori, tutto è diventato più ‘organico’, come in Era, che è un rituale che richiama, come tu reciti, ‘il corpo andato, bruciato, finito’ …?A: ?Alos è nata sul treno Palermo-Milano dopo aver fatto un piccolo tour Allun da sola (primo e unico). Grazie ad esso ho sentito che potevo suonare anche in solo, esprimere ed ampliare ancora di più il mio estro artistico-performativo. I primi show erano strettamente performance per l'inaugurazione delle mie prime mostre personali, poi ho cominciato a integrarci la musica ed è nata la vera ?Alos: un essere multidisciplinare. Anch'io sento una grande evoluzione nel mio percorso artistico e di aver raggiunto in Era un buon equilibrio fra musica e performance, tra la mia ricerca personale vocale e quella concettuale/artistica. Sento che finalmente i miei due lati sono espressi in egual modo. Prima la parte estetica performativa aveva la predominanza forse a scapito di quella musicale.



Ti ho vista dal vivo con il tuo ultimo spettacolo, quello dove suoni anche i tuoi capelli coi campanellini, e ho notato che hai una corda di basso. Come nasce il suono del tuo strumento? Come lo hai costruito? Cerchi di riprodurre qualcosa di preciso, o il suono che vuoi lo ‘trovi’ e lo ‘riconosci’ come quello giusto, di volta in volta??A: penso che la mia ricerca musicale e stilistica nasca dal desiderio di voler produrre un suono o un'immagine che ho in testa e di renderlo reale con i mezzi che ho. Il suono della mia chitarra è un evoluzione di toni in 10 anni, il cercare di tira fuori un suono sempre più grave, basso e cupo da una chitarra. All'inizio mi limitavo ad “accordare” la chitarra alla mia maniera smollando sempre più le corde, poi ho cominciato a inserirci quelle da basso. Ora con Ovo suono in un ampli da basso la mia chitarra super scordata bassa e con corde da basso!!! Lo stesso vale per la voce: ricercare di ricreare con la mia voce “femminea” la voce grave maschile.
Con ?Alos hai espresso diversi volti di femminilità ‘intima’: le cuoche, le ricamatrici, le streghe. Hai affermato che se ci rendessimo conto che non esiste differenza tra uomo e donna, non esisterebbe più nessun conflitto. Tu hai esplorato anche testi di antropologia per approfondire l’aspetto rituale della musica, e il suo valore ‘regressivo’, la sua capacità di tornare al ‘prima della parola’ (che è un po’ come dire ‘prima del gender’, quando tutto era mescolato), e di riunire gli opposti …?A: Già il mio solo è per me un “trattato” storico-sociologico, ogni nuovo live nasce da una riflessione  su uno stato sociale femminile a cui voglio dare voce. Far ricordare, in maniera veramente diversa, la storia delle donne, soprattutto di quelle “comuni”.ERA vuole far riflettere sul PRIMA, perchè molti concetti, parole che ora sono di uso comune e che diamo per sempre esistenti, hanno avuto una nascita e c'è stato un momento in cui prima non esistevano. Oggi ci affanniamo a studiare, in altre culture, il loro concetto di genere, transessualità, omosessualità  per dare una spiegazione dell'uso contemporaneo di queste parole, ma il punto è che esse non esisterebbero in natura. La nostra società le ha create per differenziare il “normale” o “sano”, dal “malato” o “diverso”; leggo molto e mi sto documentando molto su questo argomento.

In che lingua canti? E il modo in cui bilanci il corpo, che a me ha fatto venire in mente il butoh, da dove trai ispirazione??A: canto nella MIA lingua, un linguaggio creato in 11 anni o più di concerti e che ora è diventato consapevole. Il punto è che io non canto, ma suono la voce: lo faccio unendo lettere e suoni e fissandoli in pezzi diventano linguaggio. Penso che sia questa l'origine di una lingua, ogni persona creava il proprio linguaggio abbinando un suono ad un oggetto, poi facendo parte di una tribù, condividendo questa nuova scoperta e diffondendola, il suono diventava un nome e acquistando un uso comune diventava un veicolo di comunicazione. Non so se è chiaro, è un mio trip di questi ultimi anni cercare di far riflettere sulla “lingua”. Soprattutto nella musica rock tutti questi discorsi concettuali non sono contemplati e perciò nelle mie recensioni, come ai miei concerti, vengo sempre descritta come “Stefania che urla e fa suoni animaleschi” e la gente si chiede il perchè di questa mia scelta o che lingua uso e, pensa che buffo, fuori dall'Italia tutti pensano che io canti, magari in italiano..ahhaha. Il corpo è il mio altro chiodo fisso del momento; la mia musica è sempre stata molto fisica, ma negli ultimi anni sentivo sempre più il desiderio di ampliare la ricerca fisica del suono, la voce, in particolare è FISICA, cambia secondo come ti muovi o respiri. Ioioi [Cristiana Fraticelli, ndr] mi ha sempre fatto notare come le Allun e poi ?Alos fossero butoh e mi ha sempre suggerito di scoprire questa danza. Vivendo a Berlino ho avuto modo di vedere molti spettacoli di butoh e di far conoscenza di importantissime maestre. Poi ho cominciato a fare workshop di butoh e quest'anno, finalmente,  ho collaborato con Yuko Kaseki in “Terra”, il mio primo vero spettacolo/performance teatrale o di danza, non so come definirlo. In esso ho potuto sviluppare e rendere protagoniste la voce e il corpo. Un'esperienza che mi ha arricchito tantissimo e che spero di portare altre volte in scena. Da dove traggo ispirazione? Dal malessere e dalle ingiustizie che mi circondano. Esse mi danno lo spunto concettuale su cui lavorare e poi trasformo il tutto in suono attraverso l'utilizzo istintuale di me stessa, rendendomi strumento e liberando gli archetipi che sono in me.

giovedì 12 aprile 2012

mercoledì 11 aprile 2012

Next shows



                                                    20/04 Milano,I @ Trock-Torkiera
                                                    27/04 Ragusa, I@ Circolo Arci LEbowski
                                                    28 /04 Catania, I @ Teatro Coppola
                                                    29/04 Messina, I@ CAntina 45
                                                    17/05 La Spezia@ Btomic
                                                    18/05 Latina, I@ circolo hemingway
                               19/05 Nola,I@ Cabala book&beer festival Disfunzioni sonore 5
                                                    20/05 Itri,I @ Brigadisco'Cave
                                                    26/05 Ravenna,I@ performance in appartamento
            13/06 Milano ,I@ Solo,ehibition + performance by ?Alos + live set by Restless y. Flowers)
                                                    14-17/06 Milano,I @Queer fest



lunedì 12 marzo 2012

ERA out now!!!

Amazing new album by ?Alos.
A monolith into the earth. A paleolithic, prehistoric and primeval sound.
The ERA of our times
Red vinyl 12"/ Numbered limited edition of 300/ 15 euro 
Special guest:
Kris Force: violin & cello
J.K.(!): cello


Out now you can order ERA on www.tarzanrecords,com
or listen to my soundclound page http://soundcloud.com/you/tracks
enojoy it!!!!
you can follow me on twitter and facebook
Photo from my first performance "one girl tattoing music"...Bue tattoer, Francesca model...amazing performance I really enjoy do it!!!
now:


Home,after the first part of " Era" tour(Europe, Italy ecc...),now I'm working for Ovo's tour!!! we start the 


European tour 15th !!! 


come to see our show!!!


check the days on our blog http://ovolive.blogspot.com/

martedì 6 marzo 2012

distro

8 marzo

giornata speciale e ricca l'8 marzo
Inugura la mia mostra personale a Torino abbianata a una performance sidespecific e inaugura, anche, una mostra collettiva alla biblioteca Classense di Ravenna in cui verrà esposto uno dei miei libri Assaggia--.

lunedì 5 marzo 2012

recensioni

Sono appena tornata dal tour con Xabier iriondo, esperienza fantastica, i concerti sono venuti veramente belli e suonare insieme è stata un emozione, ora dobbiamo lavorare sul disco e tour che saranno ad ottobre.
ma, sono felicissima di segnalare le prime 2 recensioni di ERA.
2 bellissime e profonde recensioni, ringrazio di tutto cuore i 2 giornalisti per il tatto dimostrato
Sentire ascoltare
http://www.sentireascoltare.com/recensione/9900/alos-era.html
Onda rock
http://www.ondarock.it/recensioni/2012_alos_era.htm
 e vi ricordo i prossimi appuntamenti con ?Alos
08/03 Torino,I @AB Normal exhibition + special performance (one girl tattooing music)
09/03 Monza,I@Boccaccio(w/Agatha)

20/04 Milano,I @ Trock-Torkiera
27/04 Catania@ Teatro Coppola
28/04 Messina@ Cantina 45
04/05 Itri,I @ Brigadisco'Cave
05/05 Nola,I@ Cabala book&beer 

martedì 28 febbraio 2012

01/03 Rimini, I@ Neon (w/Xabier Iriondo)
03/03 Potenza Picena, I@  Groove - Live  (w/Xabier Iriondo)

un live diverso dal nostro solito; fonderemo parte dei nostri solo a parti in cui suoneremo insieme pezzi ispirati al 7" uscito per tarzan rec. e pezzi inediti tratti dall'album che stiamo facendo insieme.
un bacio e spero di vedervi
ste.
Lei è Stefania Pedretti in arte ?ALOS protagonista con Bruno Dorella del percorso OvO, e fondatrice del progettoALLUN e lui è Xabier Iriondo, chitarrista degli Afterhours nonché manipolatore sonoro di progetti come Uncode Duello, A Short Apnea e NoGuRu. ?ALOS canta, declama, urla, IRIONDO si destreggia con alcuni strumenti auto costruiti e non.Uno spettacolo tetro e viscerale, dove la paura di una sonorità sconosciuta si compensa con una sensazione di assoluta e primitiva libertà. A dicembre 2011 il loro esordio con un 7’ per le etichette Tarzan Records e Bar La Muerte


www.tarzanrecords.com

mercoledì 22 febbraio 2012

8.03 Exhibition

8.03 Exhibition + Special performance
(one girl tattooing music)


Come!!!


"C'era una volta..."

C'era una volta un salotto, in una vecchia casa e una signora che cuciva tutti i giorni... alle pareti dietro la sua poltrona preferita erano appesi i centrini che lei ricamava, centrini insoliti che ritraevano figure femminili inverosimili dolci romantiche belle ma ....deturpate...non si notava neanche questa caratteristica all'inizio, ma era ciò che rimaneva impresso poi nella mente, queste belle donnine grondanti di sangue....mi raccontavano sempre questa storia quando ero bambina e passavo davanti a quella casa...



Installazione che ricrea il salottino di una vecchia signora con i centrini ricamati a mano da Stefania Pedretti appesi come i ritratti,i santini che molto spesso decoravano le pareti dei vecchi salotti ...
by Ema Discordant
Thanks it's a amazing photo

venerdì 17 febbraio 2012

report

Hi, back from the European tour!!!
It was amazing!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
now again in Italy and again in tour.
these are my next shows, COME!!!!!
2012

18/02 Monza,I@Boccacciosurprice show(w/Solar skeletons, Mombu, TZII,Nachtwandler+A034) 
21/02 Massa, I@ TagoMago
23/02 Bologna,I@Aula Magna,S.Cristina(presentazione libro "Le ragazze del Rock")ore 18.00
24/02 Arcore,I@ Arci Blog (w/Progetto Saturno) 
01/03 Rimini, I@ Neon (w/Xabier Iriondo)
03/03 Potenza Picena, I@  Groove - Live  (w/Xabier Iriondo)
08/03 Torino,I @AB Normal exhibition + special performance
09/03 Monza,I@Boccaccio(w/Agatha)

lunedì 30 gennaio 2012

?Alos Tour in Europe



06/02 Berlin ,D@ Madame Claude
07/02 Beriln, D@ Piatto Forte
08/02 Berlin, D@ Raum 18
11/02 Stockholm, S@ Fylkingen
14/02 Brussels, B@ Cafe central

sabato 21 gennaio 2012

Terra

Ho appena finito la replica del mio spettacolo Terra con me/?Alos e Yuko Kaseki.
2 serante bellissime.

giovedì 19 gennaio 2012

20/21 Gennaio Terra

Ciao

Domani ci sarà la prima del mio spettacolo "Terra"
la residenza e il workshop con yuko Kaseki son stati fantastici. Insieme si è costruito uno spettacolo che, alla fine, unisce e trasforma il musicista in danzatore e il danzatore in musicista.
vi attendo hai due spettacoli!!!!
per informazioni e prenotazioni contattate il Cisim
baci a tutti
sotto il foglio di sala e la locandina


'Terra'
Progetto di Stefania Pedretti/?Alos:
Performance + video installazione
con ?Alos (performer) , Yuko Kaseki (butoh dancer ) e Emiliano Biondelli (video maker)

Terra esplora il tema dell'antico rapporto che lega la terra alla donna: la magia che regna fra di esse, il sesto senso, il loro linguaggio segreto, la storia passata e il futuro, l'Inquisizione, il 2012 e la nuova era che verrà.
Utilizzando voce e capelli, i due antichi mezzi utilizzati nei riti pagani legati alla natura e alla femminilità, ?Alos crea una dimensione onirica doom fatta di gesti, di suoni e di respiri che rievoca in
chiave postmoderna gli antichi riti sabbatici.

La donna, magica trasformatrice di ogni elemento della natura, “Veggente primordiale, signora delle acque profonde che danno saggezza[...]capiva lo stormire degli alberi e tutti i segni della natura[...] sopraffatta dallo spirito che emergeva in lei e che da lei parlava[...]esprimeva la sua magia in formule ritmiche[...] essa fu centro della magia, del canto magico e della poesia. Fonte di sapere[...] creatrice del linguaggio che fluisce dal profondo” Erich Neumann da “La grande madre - fenomenologia delle configurazioni femminili dell'inconscio” .

Performance: ?Alos e Yuko Kaseki
Voce, corpo e capelli: tre antichi mezzi utilizzati nei riti pagani legati alla natura, alla femminilità, alla magia.
?Alos: voce, capelli con campanellini, buddha machine e corpo. Tutto in acustico.
Yuko Kaseki: corpo e campanellini
Primo incontro fra le due performances che durante la residenza creeranno la coreografia dello spettacolo e approfondiranno l'interazione fra musica e danza.

Voce: la voce è relazione fra il respiro e il suono. La voce articola il mormorio, la parola, l'urlo. Ha potente valore creativo,evocativo e di suggestione.

Corpo: il gesto nel rito; con voce e gesto la guaritrice interveniva accanto al malato.

Capelli: capelli fitti di nodi, arruffati. Ai nodi venivano attribuiti valenza e poteri magici.
L'annodare, il legare, l'unire, l'intrecciare veniva considerato, fin dall'antichità, pratica magica capace di trattenere o respingere forze positive o negative. Molti amuleti avevano forma di nodo già presso i babilonesi e fu una pratica sacrale pagana che nel 1446 i vescovi riuniti nel Concilio di Ratisbona decisero di punire con la pena di morte. Il simbolo antichissimo del nodo era emblema sacro alla Dea Madre della natura, protettrice benefica e poi demonizzata.

Video:
?Alos ed Emilano Biondelli
Video installazione con proiezione del paesaggio che caratterizza i dintorni della città dove si terrà la performance .
Durante la residenza si filmerà uno spaccato del paesaggio caratteristico ed adiacente al luogo dove si terrà la performance, in questo caso si filmerà la duna naturale di Lido Adriano e la si proietterà durante la performance senza editing o artifici.
Lo scopo della video installazione è di riportare la natura selvaggia all'interno degli edifici, ridare voce al paesaggio e ricordare come era Lido Adriano prima della sua creazione e come potrebbe ritornare dopo il 2012.


Durata performance 20 Min.
Durata della residenza 12 giorni
English Version:

Performance

'Earth'
Project by Stefania Pedretti/?Alos:
Performance + video installation
with ?Alos (performer), Yuko Kaseki (butoh dancer ) and Emiliano Biondelli (video maker)

Earth investigates the theme of the ancient relation that binds the earth to the woman, the magic that reigns between them, the sixth sense, their secret language, the history, the Inquisition.
Using voice and hair, two of the ancient media used for pagan ritual bound to nature and femininity, Alos creates an oneiric doom dimension made of gestures, sounds and breathings that recalls the ancient sabbath rituals in a post-modern vein.

The woman: magic transformer of every natural elements, “Primordial seer, Lady of the deep waters that give wisdom […] she understood the rustling of the trees and every signs of the nature […] she expresses her magic through rhythmical wording […] she was the centre of magic, of magical singing and poetry. Source of knowledge […] creator of the language that flows from the depth.” Erich Neumann “The Great Mother, an Analysis of the Archetype”.

Performance: ?Alos e Yuko Kaseki
Voice, body and hair: two ancient mediums used in pagan rites bound to nature, womanhood and magic.
?Alos: voice, hair with bells, buddha machine and body. All acoustic.
Yuko Kaseki: body and bells
First meeting between the two performances, during the residence they'll create the show's choreography and they'll delve into the interaction between music and dance.

Voice: the voice is the relationship between breath and sound. The voice articulates murmurs, words and screams, the voice has potent creative value, evocative and suggestive.
Body: the ritual gesture, with voice and gesture the healer intervened alongside the diseased.
Hair: hair thick with knots, ruffled: knots were attributed with valence and magical power, tying a knot, binding, joining together, weaving have all been consider, since ancient times, magical practice capable of holding or repelling positive or negative forces. Many amulets were in the forms of knots, all the way back to the Babylonians; a sacred pagan practice that the bishops of the Ratisbon Council of 14446 decided to punish with death. The ancient symbol of the knot was a holy emblem of the Goddess Mother of nature, blessed protector, later demonized.

Video: ?Alos ed Emilano Biondelli
Video installation projected of a passage that characterizes the outskirts of the city where the performance will take place.
In the days before the performance a cross section of the characteristic passage and adjacent to the location of the performance, in this case the natural dune of Lido Adriano and will be projected during the performance without editing or refining.
The object of this video installation is to taking wild nature back to the interior of stripped and neutered buildings and remember how was Lido Adriano before that was bild up and how it could come be after the 2012


Performance duration 20 min.
Residence duration 12 days