martedì 29 gennaio 2013

Queer metal tour




14/02 Torino@ Blah Blah (w/ Goodyn Green exhibition)
27/02 Roma@ Dal Verme (w/ R.Y.F.)
28/02 Perugia@ T-Trane (w/ R.Y.F.)
15/03 Cividale del Friuli@ Navel (w/ R.Y.F.)
16/03 Udine@ Affinità libertarie (mostra di goodyn green e vegan toys workshop a cura di ?Alos and WAI?)
17/03 Vicenza @ Ada-Lab (mostra di goodyn green e vegan toys workshop a cura di ?Alos and WAI?)
20/03 Pistoia @ Nub
?Alos
Muse of chaos (queer-pagan-doom-avant-metal)
Queer perchè non accetta nessuna identità di genere
Pagan perchè è contro tutte le religioni
Doom perchè la sua musica è lenta, fisica e penetrante
Avant perchè il suo suono non è attuale
Metal perchè è dentro di lei

?Alos è questo e molto di più: musica, performance, danza, attivismo politico, critica sociale, storia, femminismo, anarchia
?Alos è il Caos quando prende forma


Stefania Pedretti / ?Alos (Vigevano, 1976) Da Settembre 2006 a giugno 2011 vive a Berlino, ora vive in Italia a Ravenna .

Attiva dal 1998, fa parte di OVO e ALLUN.
Musicista e performer sperimentale, dal 2003 inizia ad unire queste due discipline per creare delle performance/spettacoli in cui la musica dal vivo è un elemento fondamentale.
Il suo lavoro trascende i confini fra le arti performative, integrando musica sperimentale, performance, improvvisazione e video/art e rendendo così parte attiva il pubblico attraverso la stimolazione dei 6 sensi.
A fondamento di ogni sua azione performativa c'è la figura femminile il cui ruolo viene esplorato criticamente nella storia e nella società contemporanea.
Ha suonato in tutta Italia, Europa, Stati Uniti, Canada, Messico e Israele.
Articoli e recensioni sui suoi diversi progetti musicali sono apparsi su XL di Repubblica, Il Venerdì di Repubblica, Rolling Stone, Pig, Label, Exibart, Activa, Blow Up, Rumore, Alias, The Wire, Elegy, XXD, su tutte le principali testate musicali italiane e straniere.
Sue illustrazioni e disegni sono stati pubblicate su diverse riviste italiane e straniere tra cui Zero2, Succo Acido,Veleni, Versogerin.

DISCOGRAFIA

ALBUM
Era (Lp,2012, tarzan rec, IT)
Ricamatrici (cd, 2009, Bar la Muerte, IT)
Ricordi indelebili (cd, Bar la Muerte/ Vida loca/ Pre, IT)

COLLABORATION ALBUM
Endimione ?Alos/Xabier Iriondo (LP,2012, Brigadisco rec.,IT)
Yomi, l'oscura terra dei morti ( 10” with Kawabata Makoto and Claudio Rocchetti ,2010, Bar La Muerte , IT)

SINGLES
?Alos/Xabier Iriondo (split 7”, 2011, Tarzan rec. e Bar La Muerte, IT)

PERFORMANCES:
-Gennaio 2013 “One girl tattoing music” SantaSangre tattoo studio, Roma, IT-Giugno 2012 “One girl tattoing music” Solo Store-Pietro Sedda tattoo studio, Milano, IT
-Maggio 2012 “ Acqua” studio n.1 Performance 6x6x6 6 persone x 6 minuti x 6volte, Ravenna, IT
-Marzo 2012 “One girl tattoing music”, AB Normal Tattoo, Torino, IT
-Gennaio 2012 “TERRA” spettacolo multidisciplinare. Regia ?Alos con ?Alos e Yuko Kaseki (butoh dencer), CISIM Lido Adriano, IT
-Dal 2009 propone la performance “ancestral, pagan, doom” con questa nel 2009 fa un tour in U.S.A con Kawabata Makoto, aprendo per Earth al festival “ Into Darkness Festival”, Portland (USA)
Nel 2010 fa il tour europeo con Amber Asylum, aprendo per A Storm of Light, Attila Csihar ( cantante dei Sunn((O)))...
-nel 2009 propone una performance speciale “4/5 Sensi” ( aprendo per Baby Dee, Volksbuhne, Berlin)
-dal 2007 al 2008 performance “one girl sewing music”
-dal 2003 al 2007 performance “one girl cooking music”

COLLABORAZIONI/TOURS (SELEZIONE)
Yuko Kaseki(2012) butoh dencer, Lili Refrain (2011), Xabier Iriondo (7”), Amber Asylum (tour europeo 2010) , Kawabata Makoto (tour USA 2009), Claudio Rocchetti +jD Zazie (in Ricamatrici), Mae Starr+Jacopo Andreini (in Ricordi Indelebili), Comaneci+ Mattia Coletti (tour 2009), Femina Faber (tour 2007-2008), Steve Machay (tour 2006), Rollerball (in Catholic paws - 2005 - USA), Maisie (in Morte a 33 giri - 2005), Fabrizio Modenese Palumbo + Bill Horist (in Nordwest music - 2004), Bugo (in La gioia di melchiorre - 2004, Bugo stylist for tour 2004, in Dal lofai al cisei - 2002, in Single Ep il casalingo, 2002)

Nessun commento:

Posta un commento